Caste Barshak

La società barshak è organizzata in rigide caste, l’appartenenza ad una di esse determina diritti e doveri di un individuo all’interno della comunità.
All’apice della società vi sono i nobili. Costoro vivono a Sandora e difficilmente lasciano i suoi saloni. I nobili sono dei privilegiati, hanno diritto ad alloggi e schiavi all’interno della città. Il potere e la ricchezza di un nobile sono legati all’influenza politica che lo stesso ed i suoi familiari posseggono all’interno della società. I nobili vivono tentando di scalare le gerarchie politiche, eliminando senza rimorso tutti gli altri barshak che sbarrano il loro cammino. All’apice della casta nobiliare vi sono i capi formali di ogni famiglia diabolica, i quali amministrano la città riuniti nel Gragmagon.
Sotto i nobili vi sono i nobili decaduti. Questi individui sono nobili che sono stati disonorati o hanno perso i propri diritti per colpa di qualche gioco politico messo in atto dai loro nemici dentro Sandora. I nobili decaduti perdono tutti i loro possedimenti all’interno della città, e, a meno che non vengano accolti da un nuovo nucleo famigliare, o riescano ad ottenere un matrimonio favorevole, genericamente lasciano Sandora. In molti casi, ai nobili decaduti viene persino vietato l’ingresso nella città. Un nobile decaduto, nella maggior parte dei casi, lascia Sandora per insediarsi in uno dei villaggi o città barshak che sorgono sulle sponde di Lago Cremisi; molti di essi sfruttano le loro passate esperienze per sopravvivere come mercanti, ma altri invece si lasciano totalmente andare, divenendo malinconiche caricature di ciò che erano quando vivevano nei saloni di Sandora.
Al di sotto dei nobili decaduti vi sono i ghedin. Costoro sono barshak che hanno perso la capacità di tornare in Stasi, e vivono permanentemente in stato di Espansione. I ghedin sono individui tendenzialmente violenti e che non amano le costrizioni della società nobiliare di Sandora, ma tra loro ci sono anche molti nobili che hanno perso tutto quando non sono più riusciti a tornare in Stasi, e maledicono dal profondo del cuore la loro nuova condizione. Ai ghedin è pesantemente vietato entrare a Sandora, i nobili hanno il terrore di questi esseri, vedendo in loro le bestie diaboliche in cui potrebbero trasformarsi in giorno. Inoltre i comportamenti violenti dei ghedin sono reputati inadatti ai saloni dei nobili. I ghedin popolano le comunità che vivono sulle sponde di Lago Cremisi, lavorando come guardie per i mercanti, schiavisti, miliziani e cacciatori.
Alla base della società barshak ci sono gli schiavi. Costoro sono in maggioranza degli shoon, ma può capitare che tra di loro vi siano esponenti di altre razze. Molto raramente, il Gragmagon decide di umiliare in maniera definitiva un barshak che ha osato sfidarlo, facendolo divenire uno schiavo per tutta la vita; per i mezzo diavoli, la morte è un alternativa ben migliore ad un onta del genere. Se nelle terre che circondano Lago Cremisi gli schiavi sono costretti a lavori pesanti ed umilianti, all’interno di Sandora alcuni di loro divengono dei preferiti dei loro padroni, riuscendo ad avere una vita dignitosa se non migliore di quella che aspetta a chiunque viva tra le nebbie di Malaterra. Alcuni shoon sono schiavi di un determinato padrone, o della sua famiglia, da diverse generazioni. Sotto il giogo del loro signore hanno potuto sposarsi ed avere figli, e con il loro duro lavoro si sono guadagnati agi e alloggi confortevoli. Schiavi di questo tipo spesso preferiscono il loro stato alla vita libera, ma, nonostante questi casi, la maggior parte degli schiavi dei barshak sono costretti a sgobbare fino alla morte, e sperano un giorno di spezzare le loro catene.

Caste Barshak

Nomadion Legends Nomadion